Peso corporeo e dieta: come e quando pesarsi?

IL PESO OSCILLA!

Le fluttuazioni del peso giornaliere sono fisiologiche e dipendono da: sodio introdotto, liquidi assunti, fluttuazioni ormonali (nelle donne legate anche alle varie fasi del ciclo mestruale), quantità di cibo assunto durante il giorno, se ci si é allenati oppure no ( l’allenamento provoca perdite di liquidi tramite la sudorazione), residuo intestinale…

COME PESARSI?

Al mattino a digiuno, dopo la prima minzione del mattino, sempre nelle stesse condizioni: con gli stessi vestiti o meglio ancora in intimo e utilizzando la stessa bilancia.

Ps: non confrontate il peso che avete misurato su un’altra bilancia, prendete come riferimento solo uno strumento.

QUANTO SPESSO PESARSI?

METODO 1

Avete diverse possibilità, la prima e più impegnativa é quella di pesarsi tutti i giorni e quindi ottenere 7 pesate settimanali e da qui ottenere una media del peso settimanale. Questo metodo é il più preciso perché vi consente di rendervi conto delle fluttuazioni giornaliere del peso e di confrontare la media del peso della prima settimana con la media del peso della quarta settimana e valutare l’effettivo cambiamento del peso.

Per la maggior parte delle persone, però, sconsiglio vivamente questo metodo, perché potrebbe portarvi ad essere troppo influenzati dal peso e dalla bilancia. Lo consiglio spesso ,invece, agli sportivi, soprattutto nelle settimane precedenti ad una competizione.

METODO 2

Il secondo metodo che potete utilizzare é quello di pesarvi 3 volte a settimana (sempre nelle modalità indicate precedentemente) in 3 giorni ravvicinati e lontani dal pasto libero, calcolando poi una media delle 3 pesate e confrontando la media del peso di settimana in settimana.

Esempio: mi peso giovedì, venerdì e sabato mattina. Faccio una media delle tre pesate e confronto ogni settimana la media del peso.

Questo metodo é una via di mezzo tra il primo e il terzo e ultimo metodo che vi illustro nella prossima infografica 😉

Consiglio questa modalità a chi sta seguendo una dieta dimagrante e vuole monitorare meglio il peso oppure viene seguito a distanza e può monitorare i progressi solo tramite peso, circonferenze e foto.

METODO 3

Pesati una volta a settimana nelle modalità indicate, lo stesso giorno della settimana, e confronta il peso di settimana in settimana.

Questo metodo é il più semplice ma anche il più difficile da interpretare perché effettuando una sola pesata a settimana e non facendo riferimento a una media del peso, la misurazione sarà più influenzata dalle fisiologiche oscillazioni del peso durante le settimane.

Consiglio questo metodo a chi sta seguendo una dieta dimagrante ma ha l’opportunità di monitorare la perdita di massa grassa anche tramite altri metodi come Bioimpedenza e Plicometria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *